fbpx

Styled Photoshoot, Tema d’ispirazione: The Gravity of Love

Premetto subito che non si è trattato di un vero e proprio matrimonio sul Lago di Como, quanto di un’ispirazione, un cosiddetto styled photoshoot. Uno styled photoshoot è un servizio fotografico realizzato in team con altri professionisti di wedding e fashion. Tutto si basa su un’ispirazione comune, un tema di base studiato e sviluppato in una moodboard .
Questo shooting sul Lago di Como, devo ammetterlo, è stato uno dei più belli a cui ho partecipato. L’ispirazione “The gravity of Love” rappresenta il percorso surreale della vita e dell’amore, quando il tempo sembra fermarsi e i limiti spaziali disperdersi. Uno storytelling a metà strada tra realtà e poesia, una rappresentazione fiabesca del reale. Un racconto reso ancora più accattivante dalla splendida location, il Castello di Jerago sulle sponde del Lago di Como. I giardini e la corte con il suo incantevole pozzo regalavano ambientazioni suggestive, talvolta romantiche, talvolta misteriose. Sembrava a tutti gli effetti una location da film.

Questo shooting può essere d’ispirazione per coloro che desiderano personalizzare il proprio matrimonio in un modo unico, quasi fiabesco, e creare un’atmosfera malinconica. Nessun dettaglio è lasciato al caso. Il gioco di luce e di vetro è magico, le decorazioni e gli accessori hanno un ruolo importante e tutti gli oggetti sono stati scelti con un concetto specifico in mente, raccontando una storia precisa.

Ti piacciono i matrimoni in stile per un tema specifico? Dai un’occhiata a questa sessione chiamata “The Gravity of Love” e decidi tu stesso.

Tutti i professionisti che hanno collaborato alla nostra storia:

Concept, Stile e Pianificazione: Amour sans Mesure
Location: Castello di Jerago (Varese)
Abito da Sposa: Francesca Piccini
Suite Nuziale: Area 2 Rezzonico
Composizione Floreale: Caterina Maurini
Decorazioni: Elena Corbella
Stationery: Beautiful Letters
Torta Nuziale: Sweet Mama
Cake topper: Le Bianche Margherite
MUA: Elena Gentile
Modelli: Silvia Bandera, Riccardo Stellini

 

PER MAGGIORI INFO